apassoduomo_pierpaolo_paolizzi_apdu_2015_02_ph_matteo_conti

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_pier_paolo_paolizzi_e_paolo_montebelli

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_chiesa_farneto_2016_ph_dorin-mihai_02

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_nicoletta_apdu_2015_05_ph_emilia_strada

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_nicoletta_apdu_2015_02_ph_emilia_strada

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_nicoletta_apdu_2015_03_ph_emilia_strada

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_grotte_tracce_lavaotoio

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_chiesa_farneto_2016_ph_dorin-mihai_03

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_paolizzi-chiesa_farneto_2016_ph_sandrocristallini_01

Teatro di comunità 2017

apassoduomo_pierpaolo_paolizzi_apdu_2015_01_ph_matteo_conti

Teatro di comunità 2017

da martedì 7 febbraio a giugno 2017

dalle 20,30 alle 22,30
sala Pilliteri | Gemmano

Gocce tracce lavatoi | partenza
Un’umanità nei sentieri del tempo
laboratorio teatro di comunità

 

…i calanchi sono gli stessi, la vegetazione mutata coll’avanzare dei boschi, dei sentieri ci sono le tracce. La visione, vaga nella nebbia, esplode di colore e di profondità coi raggi del tramonto, le figure si leggono nei dettagli, o si condensano in sagome nella potenza del controluce.

Storie di ieri sui segni del passato, storie di oggi con l’erba che ci cresce intorno.

A passo d’uomo in collaborazione con il comune di gemmano organizza un laboratorio di teatro dedicato alla comunità che celebra la memoria e i luoghi della memoria.

Si prevede la formazione di un gruppo che, da febbraio 2017, lavorerà sulle storie a partire dalle testimonianze raccolte da Silvana Cerruti in “La guerra all’improvviso”, per concludere in giugno con una azione teatrale da svolgersi nei luoghi che circondano la chiesa di Farneto.

La proposta è rivolta a chi vive a Gemmano e nei comuni limitrofi della Valconca, aperta a quanti – anche da un territorio più vasto – desiderino misurarsi col tempo e le vicende umane che lo attraversano, in una terra aspra quanto generosa, memore quanto tradita, meravigliosa quanto esigente. E farlo attraverso il proprio corpo, la propria emozione, il cuore proprio e dei compagni.

I sentieri, i segni dell’opera dell’uomo, la vegetazione, l’ambra del tramonto, i colori che circondano Farneto e la sua chiesa, amata e abbandonata, supplice di cura e generosa di bellezza. Sono questi i luoghi da interrogare insieme per estrarne le vicende di un passato prossimo e remoto, per fecondarlo con il nostro oggi e le attese per domani.


 

SEDI E LUOGHI DEL LABORATORIO

Gli incontri si terranno nella sala Pillitteri a Gemmano, nella chiesa di Farneto e nei sentieri nei dintorni di Farneto.


 

Calendario incontri

A partire da martedì 7 febbraio 2017 dalle 20,30 alle 22,30 si terranno incontri settimanali con intensificazione nel periodo conclusivo.

Il laboratorio si concluderà con una azione teatrale a giugno 2017.

È inoltre prevista la preparazione di una azione breve da presentare a settembre 2017 in occasione della manifestazione di rievocazione della battaglia di Gemmano.


Modalità di iscrizione e costo

La partecipazione al laboratorio ha un costo di euro 120 da versare ai docenti. Per i residenti a gemmano il laboratorio è gratuito.


Docenti

Pierpaolo Paolizzi

Lavora a lungo ad esperienze teatrali con non professionisti, specialmente coi ragazzi delle scuole, elaborando uno stile di lavoro finalizzato a contribuire alla formazione degli individui. Come attore partecipa a numerose produzioni, in particolare a due spettacoli rivolti ad un pubblico di ragazzi e adulti: Storia del gallo Sebastiano e Volare a tutti i costi, forse. Le collaborazioni e l’amicizia con compagni di lavoro di Santarcangelo di Romagna lo guidano all’incontro con l’opera di Raffaello Baldini che diventa un riferimento fondamentale per lo sviluppo del lavoro d’attore. La pubblicazione postuma del monologo La Fondazione gli offre l’occasione di cercare una messa in scena che renda appieno lo stile lieve e potentissimo dell’autore. Prosegue nella ricerca in ambito dialettale con la messa in scena di Urion, cinque racconti da “E’ viaz” di Gianni Quondamatteo. Collabora col progetto “A passo d’uomo” con interventi che intrecciano il lavoro d’attore con la conoscenza del territorio.
docenti

Nicoletta Fabbri

Attrice, autrice e curatrice di progetti teatrali formativi. Insieme a Pier Paolo Paolizzi fonda a Rimini nel 1998 la compagnia Serra Teatro, gruppo proveniente da una lunga esperienza di teatro a scuola, con cui realizzano numerosi laboratori in tutto il territorio nazionale, percorsi di formazione per giovani attori e diversi spettacoli, fra cui si ricordano Storia del Gallo Sebastiano diretto da Marcello Chiarenza e Volare a tutti i costi, forse scritto e ideato con Stefano Bisulli, prodotti con la collaborazione de L’Arboreto di Mondaino. È co-direttrice artistica di Pianoterra, luogo di produzione, formazione e ospitalità aperto a Rimini da Serra Teatro e Teatro della Centena fra il 2000 e il 2006. In seguito lavora con il gruppo Motus partecipando come attrice al progetto Fassbinder, in Piccoli episodi di fascismo quotidiano e Rumore Rosa ed altri spettacoli. Dal 2008 lavora stabilmente con la compagnia Le Belle Bandiere, partecipando a tutti gli spettacoli, diretta in scena da Elena Bucci e come assistente alla regia – fra gli ultimi Antigone, La Canzone di Giasone e Medea, Intorno a Macbeth. Di recente ha realizzato per il Cantiere Poetico per Santarcangelo L’ora delle falene (insieme ad Annalisa Teodorani). Collabora con L’Arboreto Teatro Dimora per la ricerca e la formazione teatrale.


 

Informazioni e contatti

Pierpaolo Paolizzi 345 0541942 p.paolizzi@libero.it


Foto Dorin Mihai, Emilia Strada, Sandro Cristallini, Matteo Conti


 

Commenti

commenti