apassoduomo-il-corpo-del-performer-img1-laboratorio-performer-farneto

Seminario IL CORPO DEL PERFORMER

apassoduomo-il-corpo-del-performer-farneto-performance-accoglienza

Seminario IL CORPO DEL PERFORMER

apassoduomo-il-corpo-del-performer-farneto-performance

Seminario IL CORPO DEL PERFORMER

apassoduomo-il-corpo-del-performer-camminata-gasparotto-farneto

Seminario IL CORPO DEL PERFORMER

IL CORPO DEL PERFORMER

seminario per la creazione di una passeggiata scenica
con Claudio Gasparotto e il Collettivo MC
in collaborazione con A passo d’uomo e Fattoria Caracol – Onferno

28 agosto-2 settembre
RIMINI – FARNETO (GEMMANO)


Scadenza iscrizioni al laboratorio venerdì 25 agosto 2017

 

Ogni felicità è un capolavoro.
Marguerite Yourcenar

 


 

Il seminario propone uno studio del movimento inteso non in senso utilitaristico o tecnico/virtuosistico, ma secondo il suo specifico potere comunicativo, punto d’incontro di fisicità/emozione/intelletto, espressione della coscienza di sé, della creatività, delle relazioni. Non una spettacolarizzazione, ma la tensione a una comunicazione totale.

Per A Passo d’Uomo, nell’arco delle attività del Festival sin dalla sua fondazione, Movimento Centrale ha attivato una sperimentazione tesa a indagare la relazione e l’incontro del corpo con la natura della Valconca. Il percorso si è sviluppato negli anni in una successione di laboratori e azioni performative che hanno approfondito il tema nelle sue varie forme: l’indagine del corpo vissuto come parte del più vasto universo naturale in Due ma non due (2012), il movimento generato dalla focalizzazione di uno sguardo sull’interiorità nell’Adorazione, il canto dei corpi (2013), la commistione tra le arti in Segni (2014), fino ad arrivare al tema del rito e dell’offerta in R_Accolti (2015) e Il Rito dell’Accoglienza (2016).

In questa nuova avventura l’interazione tra il lavoro di ricerca di MC e la filosofia che sottende le azioni di A passo d’uomo si consolida in un progetto lungo quattro stagioni, con l’occupazione di un luogo e la sua risemantizzazione attraverso il presidio dei corpi e l’esercizio del rito dell’accoglienza. La Chiesa sconsacrata di Farneto – punto di partenza dell’azione performativa e di arrivo per l’evento conviviale collettivo – sarà il luogo privilegiato per accogliere il nostro lavoro creativo in collaborazione con l’artista visivo Franco Pozzi, il fotografo Dorin Mihai e i compagni di viaggio che si uniranno nella creazione. Quest’anno lavoreremo sul tema del sacro a partire dal testo di Marguerite Yourcenar I trentatré nomi di Dio. L’essenziale e pura poesia dei brevissimi versi, simili ad haiku, rivela il sentire dello spirito teso alla ricerca di una realtà trascendente ma ancorata alla quotidianità, che vive in suoni, rumori, immagini, situazioni, odori, gusti. E silenzi, per intercettare la vita e la danza.


programma

  • da lunedì 28 agosto a sabato 2 settembre, ore 19.30-21.30
    Incontri di formazione
    Casa del Teatro e della Danza di Viserba di Rimini, via Popilia n. 167
  • venerdì 1 e sabato 2 settembre
    prova generale e azione performativa
    Gemmano e chiesa sconsacrata di Farneto

 


INFORMAZIONI e ISCRIZIONI

Il seminario è aperto a tutti, anche a chi non ha maturato esperienze pregresse di danza o teatro.
Il costo del seminario è di € 120,00
Scadenza per le iscrizioni: venerdì 25 agosto

Recapito per info e iscrizioni:
info@movimentocentrale.org
tel. 0541 72 61 07
cell. 347 578 45 46


Docente

MOVIMENTO CENTRALE

Movimento Centrale nasce dall’impegno di Claudio Gasparotto a sostenere la cultura di danza come arte aperta a tutti in virtù del suo potere educativo e vitale, secondo un metodo di insegnamento che pone al primo posto il valore e il rispetto del corpo, il suo ascolto, l’esplorazione della sua intelligenza.
L’attenzione è sul corpo danzante, non più oggetto da esibire, ma medium espressivo.
MC si propone come spazio aperto all’incontro, alla partecipazione, allo scambio artistico e culturale.
MC svolge attività culturale in tre direzioni:

  • Formazione
  • Studio-performance
  • Sociale

Obiettivo comune dei tre livelli di attività è rendere permanente una ricerca intorno all’espressività del movimento, all’esplorazione del suo valore culturale, educativo e creativo, quindi artistico.


 

Commenti

commenti